Dodge Coronet 1968

La produzione della Dodge Coronet iniziò nel 1949 e fu una delle serie più apprezzate realizzate dalla casa automobilistica statunitense. Nel corso degli anni, la vettura ha ricevuto diverse modifiche sia a livello prestazionale che di design che l’hanno resa più muscolosa negli anni ‘60.

Visto che si tratta di un modello la cui produzione è stata interrotta nel 1976, è possibile trovare sul mercato solo degli esemplari che hanno all’incirca 50 anni alle spalle. La Coronet del periodo delle muscle car non sono esattamente rare ma di tanto in tanto vengono vendute negli Stati Uniti delle unità con una o più funzionalità interessanti.

Dodge Coronet 1968
Dodge Coronet interni

Dodge Coronet: questo esemplare è rivestito in una particolare combinazione di colori

Nel caso di questa Coronet del 1968, possiamo vedere la sua particolare combinazione di colori nero e verde per la carrozzeria. Seduta su cerchi hot rod in stile anni ‘70, questa Coronet fonde il verde, utilizzato sulla maggior parte dei pannelli della carrozzeria, con il nero presente su cofano, griglia e strisce posteriori.

La Dodge Coronet del ‘67 era disponibile di serie con il motore 440 Magnum V8 da 7.2 litri che sviluppa una potenza di 380 CV mentre come optional veniva proposto il 426 Hemi da 7 litri. Questo esemplare, nonostante abbia il logo R/T, nasconde sotto il cofano il 383 Hemi da 6.3 litri.

Sfortunatamente, il venditore non ha specificato la potenza erogata dal propulsore ma sappiamo che ha subito un restauro assieme alla trasmissione. La Dodge Coronet rivestita in verde/zero è attualmente disponibile online al costo di 28.000 dollari (25.446 euro).

 

Sono passati diversi anni da quando sono emerse le prime indiscrezioni sul ritorno del nome Barracuda (o Cuda) ma non sotto il marchio Plymouth. Fiat Chrysler Automobiles infatti ha ribattezzato entrambi i nomi nel luglio del 2015 e, in occasione di una riunione dei concessionari avvenuta qualche mese più tardi, ha apparentemente promesso una decappottabile Dodge con trazione posteriore.

Il marchio statunitense però non è riuscito a portare sul mercato una Dodge Barracuda del genere nel 2018. Dato che una versione soft-top della moderna Challenger non si è mai materializzata, è facile che le indiscrezioni su un modello del genere tornino di tanto in tanto per riaccendere la speranza in alcune persone.

Dodge Challenger decappottabile
Dodge Challenger decappottabile motore

Dodge Challenger: la piattaforma Giorgio potrebbe portare alla nascita di una versione convertibile

Nelle scorse ore, Mopar Insiders ha citato alcune fonti le quali hanno suggerito che la Dodge Challenger di prossima generazione sarebbe stata progettata e disegnata per ottenere una versione convertibile. Anche se non si tratta di una conferma, la casa automobilistica statunitense potrebbe davvero sviluppare un modello simile.

Il gruppo automobilistico italo-americano ha investito parecchio denaro nella piattaforma Giorgio usata da Alfa Romeo per realizzare Giulia e Stelvio. Si tratta di una piattaforma con il know-how Ferrari e con parecchio potenziale. Durante il Capital Markets Day 2018, Sergio Marchionne ha lasciato intendere che la Grand Cherokee WL sarà un altro candidato perfetto per questa architettura, assieme al nuovo SUV di Maserati.

Dodge Challenger decappottabile

Tuttavia, la condivisione della piattaforma Giorgio potrebbe andare oltre a questi due marchi. Infatti, la prossima generazione della muscle car di Dodge potrebbe usare quest’architettura, inclusa la presunta versione decappottabile. Sia la Challenger che la Charger necessitano di motori più efficienti dal punto di vista dei consumi e di un po’ di freschezza. In aggiunta, l’uso della piattaforma Giorgio potrebbe consentire ad FCA di risparmiare denaro.

Dodge è una casa automobilistica molto conosciuta per l’utilizzare il potente Hemi V8 in ogni veicolo in cui riesce ad adattarlo perfettamente. Diversi anni fa, faceva un po’ la stessa cosa anche con il famoso propulsore V10 della Viper. Ad esempio, tale powertrain fu utilizzato in un pick-up chiamato Dodge Ram SRT-10.

Ora, uno dei soli 50 esemplari del 2004 realizzati dal Viper Club of America (VCA) è in vendita sul sito Web di RM Sotheby’s attraverso un’asta online e a un prezzo parecchio interessante. Quando questo super pick-up è stato prodotto nel 2004, ha conquistato il titolo di pick-up di produzione più veloce al mondo.

Dodge Ram SRT-10: in vendita uno dei soli 50 esemplari realizzati dal Viper Club of America

La versione standard del veicolo era in grado di scattare da 0 a 96 km/h in 4,9 secondi e di raggiungere una velocità massima di 248 km/h. Lo speciale Dodge Ram SRT-10 riusciva a raggiungere tali numeri grazie al motore V10 da 8.3 litri della Viper con potenza di circa 500 CV scaricati sulle ruote posteriori.

Tuttavia, i 50 esemplari realizzati dal Viper Club of America sono stati equipaggiati con un cambio manuale a 6 marce e con una carrozzeria rivestita in Viper Electric Pearl Blue con strisce bianche da rally. Furono realizzati anche due esemplari in più con trasmissione automatica da utilizzare come veicoli per gli eventi ma non furono mai venduti al pubblico.

Il blocco motore di questo pick-up ha la firma di Wolfgang Bernhard, allora COO di Chrysler. È una persona molto strana da scegliere per un autografo in quanto solitamente le firme riportate sui motori appartengono a ingegneri o persone che hanno lavorato o progettato la vettura.

Ritornando al Dodge Ram SRT-10 proposto all’asta da RM Sotheby’s, ha percorso meno di 5471 km e, secondo le informazioni riportate, abbiamo di fronte esattamente il 44º esemplare dei 50 costruiti. Originariamente, il veicolo è stato consegnato alla Daytona Truck Race a febbraio del 2004.

Tutti gli esemplari sono stati venduti attraverso un sistema a lotteria, in cui ai vincitori è stata data la possibilità di acquistarne uno. Mike Robbins, un personaggio noto all’interno della comunità SRT, ha vinto la possibilità di acquistare proprio questa unità, diventando successivamente il proprietario. Secondo le stime fatte da RM Sotheby’s, il Dodge Ram SRT-10 dovrebbe essere venduto a un prezzo finale compreso tra 50.000 e 60.000 dollari.

(TRATTO DA CLUBALFA.IT)

Il rivoluzionario sistema mild hybrid eTorque sostituisce l’alternatore tradizionale sul motore con un generatore alimentato da una batteria a 48 volt, azionato da una cinghia, che ottimizza le prestazioni, l’efficienza, il carico utile, le capacità di traino e la guidabilità.

 

Questa nuova caratteristica, pur essendo potenzialmente importante per gli acquirenti alla ricerca di una spinta al risparmio di carburante nel campo dei pickup leggeri, sempre più affollato e sempre più competitivo, non è facilmente comprensibile a tutti. Ecco quindi una panoramica su come funziona l’ibrido mild eTorque di RAM.

 

Dal punto di vista funzionale, l’eTorque funziona sostituendo l’alternatore convenzionale della RAM con un motore/generatore più robusto. Nell’HEMI V8, un motore-generatore della Magneti Marelli è montato convenzionalmente vicino alla parte superiore del motore, dove il raffreddamento ad aria funziona bene. Il sistema eTorque a 48 volt aggiunge 90 libbre ad un HEMI V-8, con il circuito di raffreddamento ad acqua che fa la differenza.

Quando si accellera, il motore/generatore eTorque inizia a generare energia elettrica che alimenta il suo pacco batterie e al tempo stesso rende più fluida la trasmissione. Fornisce una breve spinta di coppia di 130 libbre-ft nei modelli V-8. Insieme all’aggiunta di coppia durante i turni, contribuisce alla coppia durante la transizione in e fuori dalla modalità a quattro cilindri durante la disattivazione dei cilindri V-8. Il sistema eTorque riavvia il motore e riprende il movimento in avanti entro 70 millisecondi dopo un auto-stop. Un sistema interattivo di spegnimento quando si decellera consente di risparmiare carburante.

 

L’energia elettrica nel sistema eTorque è immagazzinata in un pacco batteria LG Chem da 30 libbre, 430 watt/ora, montato sulla parete posteriore della cabina del pickup. Il sistema include un convertitore DC-DC per alimentare i normali carichi elettrici del veicolo e caricare la batteria di avviamento da 12 volt.

 

Gli alternatori traggono solo una modesta potenza dalla trasmissione comando accessori di un motore. Tuttavia, i generatori di motori eTorque usano la cinghia di trasmissione degli accessori per rallentare e accelerare questi carrelli, quindi la cinghia deve essere più grande e più forte, e deve anche avvolgersi più lontano intorno alla puleggia. Richiede anche un tenditore su entrambi i lati per mantenere le cinghie strette mentre il motore/generatore passa dalla generazione alla motorizzazione. L’eTorque Hemi ottiene anche una puleggia dell’albero motore più grande che migliora la leva del motore/generatore.

 

Con un risparmio stimato di 2 o 3 mpg, miglia per gallone in termini di risparmio di carburante in città/combinato, l´eTorque offre migliori prestazioni ambientali.

Questo delicato sistema ibrido incorpora una serie di tecnologie con

il leggendario motore HEMI 5,7L V8, includendo frenata rigenerativa, funzione stop/

start, batteria agli ioni di litio da 48 volt e un motore/generatore di bordo da 12

kW. Il motore elettrico serve a fornire maggiore potenza supplementare durante

l’accelerazione e il sorpasso. La funzione stop/start aiuta a migliorare il consumo

di carburante con il funzionamento on/off continuo del motore, mentre la frenata

rigenerativa recupera e converte l’energia in fase di frenata.

 

I VANTAGGI DELLA TECNOLOGIA eTORQUE

L’integrazione della tecnologia eTorque e dei suoi componenti offre vantaggi

significativi su tutti i fronti. Il motore elettrico consente un funzionamento a 4

cilindri più prolungato del sistema di disattivazione HEMI V8 (MDS)/Fuel Saver

Technology per ulteriori vantaggi in termini di consumo di carburante.

Anche la funzione stop/start contribuisce a migliorare il consumo di

carburante fi no al 3,3%. La frenata rigenerativa utilizza il motore elettrico

di bordo come fosse un generatore, convertendo l’energia per ricaricare il

sistema a batteria. Il sistema stop/start è semplicissimo da utilizzare e un

interruttore di disattivazione del sistema montato sul cruscotto consente

al conducente di spegnerlo ogni volta che lo desidera.

L’usato OMS è selezionato e garantito anche fino a 3 anni.

Tutte le nostre vetture sono state sottoposte, ad un processo di controllo a 360°, con rigorosi controlli meccanici ed estetici, per dare al cliente una qualità in linea con gli standard “PREMIUM” del mercato.
La sua storia e il suo chilometraggio sono certificati.

Tutte le nostre auto, vengono sottoposte ad un attento processo di controllo da parte di Tecnici qualificati. Motore, trasmissione, assetto impianto elettrico, carrozzeria, interni e tutte le componenti specifiche vengono verificate con meticolosi e rigorosi controlli meccanici ed estetici con l’obbiettivo di fornire una qualità in linea con gli standard premium di OMS per garantirvi sempre sicurezza e piacere di guidare.

Tutta questa nostra attenzione, si traduce in una maggior sicurezza per il cliente anche grazie ai programmi di manutenzione programmata, potrai serenamente scegliere la tua nuova compagna di viaggio.

Scopri tutti i vantaggi della nostra garanzia:

GARANZIA USATO PREMIUM OMS

 

UN’UNICA RATA PER AVERE UN NUOVO RAM LARAMIE SPORT AL PREZZO DI COSTO.

998 €, TUTTO INCLUSO!

Grazie ad accordi esclusivi tra OMS American Division e l’importatore ufficiale di FCA, volendo contrastare questa crisi e diffondere l’uso del miglior pickup d’America in Italia, vi diamo la possibilità di acquistare il nuovissimo RAM Laramie Sport 1500 da solo 998 euro* tutto incluso.

INCLUSI NEL PACCHETTO

  • ALLESTIMENTO RAM LARAMIE SPORT 2020
  • ASSICURAZIONE: incendio / furto / atti vandalici / eventi atmosferici / cristalli / assistenza stradale
  • GARANZIA UFFICIALE EUROPEA PER 48 MESI
  • MANUTENZIONE PROGRAMMATA PER 48 MESI:inclusa la prima manutenzione freni (cambio pastiglie freni) / inclusi tutti i tagliandi ogni 15mila Km.
  • DOPO 48 MESI PUOI DECIDERE SE RISCATTARLA O RESTITUIRLA SENZA COSTI AGGIUNTIVI.

Scopri di più nella pagina dedicata alla promo:

PROMO NUOVO RAM LARAMIE SPORT 1500

 

Per il mercato europeo, Cadillac XT4 è stata sviluppata appositamente con un motore 2.0l Turbodiesel Euro 6d, progettato dal centro ingegneristico General Motors Global Propulsion System di Torino.

Questo motore è in grado di erogare 174 cavalli e 381 Nm di coppia massima.

Nel secondo semestre 2020 sarà disponibile anche la versione con il propulsore 2.0l Turbo a benzina, già in vendita negli Stati Uniti.

La potenza viene gestita tramite un cambio automatico a 9 rapporti con tecnologia Electronic Precision Shift e comandi al volante. Cadillac XT4 sarà commercializzata sul mercato italiano all’inizio della primavera 2020, in due configurazioni speciali: Launch Edition e Launch Edition Sport.

La prima, elegante e lussuosa, sarà disponibile solo a trazione anteriore e prevede cerchi in lega da 18 pollici; griglia frontale cromata; barre sul tetto; fasce sottoporta e profili delle superfici vetrate laterali modellati con finitura alluminio satinato; interni in pelle con inserti in alluminio. La seconda, elegante e sportiva, si differenzia esternamente per: cerchi in lega da 20 pollici; griglia frontale nera; volante sportivo; pedaliera in alluminio; tecnologia LED per i fari anteriori con segnalazione di sterzata; barre sul tetto; fasce sottoporta e profili delle superfici vetrate laterali con finitura “gloss black”.

Cadillac XT4 Launch Edition Sport è disponibile con trazione anteriore o integrale AWD a doppia frizione, che consente di disaccoppiare le ruote posteriori quando non sono necessarie per la trazione.

Sulla versione Launch Edition Sport le sospensioni attive monitorano la superficie stradale in tempo reale e apportano regolazioni ad intervalli di due millisecondi, regalando così un’esperienza di guida ancora più precisa ed entusiasmante.

La Launch Edition Sport si caratterizza inoltre per il controllo automatico adattivo della velocità, con funzione stop & go, e l’head-up display a colori. XT4 offre elevate prestazioni dinamiche, in sintonia con il proprio design, ma senza mai penalizzare il comfort e la maneggevolezza, da sempre prerogativa dei modelli del marchio Cadillac.

Le sospensioni anteriori di tipo MacPherson, insieme a quelle posteriori indipendenti Multi-Link a cinque bracci, assicurano una tenuta di strada ottimale.

L’equipaggiamento della gamma Cadillac XT4 è impreziosito da un vasto ed importante elenco di dotazioni che spaziano dal comfort alla sicurezza. Da rimarcare la presenza di serie di tutti i più importanti sistemi ADAS: riconoscimento della segnaletica stradale, sistema di mantenimento della carreggiata con avviso di abbandono della stessa, segnalazione acustica attraversamento pedoni, frenata assistita, sedile guidatore con dispositivo Safety Alert (in caso di pericolo il sedile vibra nella direzione dalla quale proviene il pericolo stesso).

Per quanto riguarda il comfort a bordo: sedili anteriori e posteriori riscaldabili automaticamente; volante riscaldabile; portellone posteriore elettrico con comando “hand free” ed un nuovo sistema di controllo tattile (rotativo/push) per

la selezione e l’utilizzo in tutta sicurezza dei sistemi infotainment di bordo. Ambedue le versioni di lancio sono dotate di telecamera con visione a 360°, sistemi di ausilio al parcheggio in parallelo e perpendicolare, sistema di infotainment e assistenza Cadillac User Experience® (CUE) con navigazione 3D integrata.

Cadillac XT4 può essere ulteriormente personalizzata con il pacchetto opzionale Premium, che include il tetto aprile UltraView® con tendalino parasole elettrico; i sedili anteriori ventilati e regolabili elettricamente con funzione di massaggio; il rivestimento in pelle traforata (in diverse colorazioni da abbinare ai colori esterni/allestimenti).

Cadillac XT4 è coperta dalla garanzia di 3 anni o 100.000 km, oltre che dalla garanzia di 6 anni anticorrosione, e usufruisce del soccorso stradale europeo gratuito sempre per 3 anni.

In Italia i prezzi di Cadillac XT4 Launch Edition e Cadillac XT4 Launch Edition Sport partono, rispettivamente, da 44.990,00 € e 49.290,00 € (IVA inclusa, IPT e messa in strada escluse).